Cialis, ansia e assuefazione, Cialis Viagra Assuefazione.

Cialis, ansia e assuefazione

tuttavia mi ha prescritto mezza compressa di cialis da 10 mg a bisogno, a detta sua, per darmi quella spinta in più calata per motivi di ansia.

è possibile che sbloccandomi col farmaco (sempre che succeda) possa riprendere un’attività senza ricorrere ad esso? può succedere che il farmaco crei una condizione grazie alla quale senza quella molecola l’erezione non si verifichi più?

Iscritto dal 2006

Iscritto dal 2000

Se questo non avvenisse varrebbe la pena di sentire lo specialista per analizzare meglio la situazione vascolare.

Il fatto che una compressa possa dare una erezione migliore non deve essere vista come evenienza solo negativa

infatti la mia paura era quella di abituare l’organismo ad una sostanza esterna che, in sua mancanza, non avrebbe più fatto il suo dovere spontaneamente. ma sembra di no da quello che dite. giusto?

siete d’accordo? due opinioni sono meglio di una, in questo caso tre 🙂

Iscritto dal 2006

Quanto all’attivita’ agonistica,la stessa e’ favorita dall’assunzione del tadalafil,al punto che la commissione antidoping sta valutando se inserirlo nel novero dei farmaci dopanti.Cordialita’.

Quindi anche in caso di ansia (da prestazione l ha chiamata) un fenomeno che a me ha alti e bassi che mi porto dietro dall’età di 20 anni, il cialis è indicato? il medico dice di si , sui vari forum su internet si conferma e disconferma a seconda dei siti.

Inoltre l’andro mi ha detto che l’adrenalina prodotta per l’ansia mi crea anche una condizione di ridotto piacere (che è quello che mi accade).

Iscritto dal 2010

le tarapie orali per il deficit erettivo, andrebbero coadiuvate da colloqui di counseling psico-sessuologico, a diagnosi avvenuta, a medio termine ed a svezzamento avvenuto.

La terapia risolutiva, per il deficit erettivo, in special modo su base psicogena, è combinata: farmacologica e psico-sessuologica.

La dipendnza non è fisica, ma psicologica, se l’ansia da prestazione non viene analizzata, decondizionata con la terapia sessuologica e, risolta , c’è il rischio che ritorni nel tempo, o in situazioni di cambio partner.

Un augurio sincero.

il Cialis non l’ho mai provato e l’andrologo ha detto che , oltre al resto che ho imparato per gestire l’ansia può darmi una spinta fisiologica. per questo, oltre ai dubbi esposti e ben chiariti, chiedevo se anche per l’ansia viene utilizzato. oltre al prezioso aiuto degli psicologi che ho incontrato ovviamente.

grazie anche per il suo contributo

l’andrologo mi ha fatto un discorso che non so se ho capito bene. L’ansia fa aumentare l’adrenalina che crea vasocostrizione, il cialis, impedendo ad un enzima di far rilasciare dei fattori che fanno svuotare i corpi cavernosi, crea una sorta di azione antagonista dell’adrenalina impedendo quindi lo svuotamento dei corpi.

Iscritto dal 2010

ma la sessualità va ben oltre lo svuotamento dei corpi cavernosi e ben oltre la zona pelvica.

Vada da un sessuologo clinico, non da uno psicologo, non è competenza sua.

Deve armonizzare corpo-psiche-ansia-ansia anticipatoria ed ovviamente erezione.

Iscritto dal 2010

L’approccio va ben oltre il semplice aspetto idraulico, correlato ai corpi cavernosi.

Iscritto dal 2006

""L’ansia fa aumentare l’adrenalina che crea vasocostrizione, il cialis, impedendo ad un enzima di far rilasciare dei fattori che fanno svuotare i corpi cavernosi, crea una sorta di azione antagonista dell’adrenalina impedendo quindi lo svuotamento dei corpi".

non è questo un aiuto alla psicoterapia?

Iscritto dal 2010

Il cialis è un ottima farmaco sintomatico e non curativo, il percorso di sessuologia, effettuato con clinici qualificati, è risolutivo.

Iscritto dal 2006

Iscritto dal 2006

Iscritto dal 2006

ho chiesto se esisteva uun equivalente ma il farmacista mi ha detto di no. tuttavia cercando su internet si parla ovunque di cialis generico acquistabile on line, a costi davvero democratici.

cosa ne pensate di questo? è rischioso?

vi prego in un aiuto/consiglio.

Iscritto dal 2006

resta il fatto che contrariamente a quanto dice il farmacista il generico esiste.

Iscritto dal 2006

se poi sono illegali o esistono in altri paesi fuori dell’Italia è un altro discorso.